Il Mattone al Servizio del Paese Remind 11 Novembre 2021

Il Mattone al Servizio del Paese

Per la ripresa economica servono sostenibilità, messa in sicurezza e approccio integrato del mattone pubblico e privato. Nel patrimonio dello Stato ci sono 300 miliardi da valorizzare e il 70% fa capo a Enti locali

(MilanoFinanza – 11.11.21) Come è emerso nel corso del G20 di Roma è necessario attuare azioni “integrate verdi” finalizzate al raggiungimento di obiettivi quantitativi e temporalmente definiti. Nei settori dell’edilizia e dell’immobiliare il termine “azioni integrate” si traduce in un approccio all’edificio, ai quartieri e alle comunità visti come sistemi, tra di loro interagenti e interconnessi.
Occorre che oltre al contenitore/involucro si ponga l’accento su coloro che in questo involucro abitano e vivono, le persone, mutevoli nel tempo e nello spazio, rispetto alle quali servono modalità di misurazione e valutazione dinamiche, flessibili, capace di adattarsi al contesto circostante, in fase di continuo cambiamento. Vanno identificate nuove modalità didattiche e formative dedicate ai giovani, al contempo, riqualificare i luoghi in cui vivono, studiano p giocano. Anche le nuove politiche per il lavoro dei giovani vanno supportate e riprogettate con didattiche sul campo delle professionalità e dei mestieri.
L’Europa ci esorta a procedere in tale direzione: le opere di recupero e rigenerazione urbana potrebbero essere uno dei volani di sviluppo dell’Italia aiutando, con una sinergia pubblico-privato, da una parte gli investimenti, e dall’altra, il loro riutilizzo per produrre valore aggiunto economico-sociale-storico, in una parola: bellezza! È fondamentale coniugare aspetti di resilienza, sostenibilità e salubrità con le buone pratiche della cultura dell’abitare, tenuto conto ciò che ci sta insegnando questo periodo di pandemia da Covid 19.
È importante in tale contesto rendere sempre più trasparente il Mattone di Stato. Non sappiamo ancora riferire a un preciso valore di mercato il complesso di beni immobili pubblici. I principali dati disponibili per il settore immobiliare pubblico, per il 2018, si riferiscono alla Banca Dati del Dipartimento del Tesoro (MEF) e riportano un non meglio precisato valore patrimoniale di circa 300 miliardi, riferito a 1.150.512 fabbricati e a 1.441.246 terreni. Va anche rilevato che la grande massa degli immobili pubblici, circa il 70%, fa capo a Enti locali (Regioni, ex Province, Comuni).
Difficile dare un preciso valore di mercato di tutti gli immobili pubblici, tenuto conto che la metodologia applicata per la valutazione sembrava in passato ispirata più a criteri di contabilità pubblica piuttosto che a best practices e quasi mai integrata con le migliori pratiche di riduzioni delle emissioni di anidride carbonica ed efficientamento energetico-ambientale (considerato che da decenni l’Organizzazione Mondiale della Sanità ci indica che la terza causa di morte è rappresentata dalle malattie respiratorie).
Il criterio di calcolo è stato aggiornato recentemente grazie a una mutualità dei valori con il Catasto. Un sistema di calcolo che il Tesoro ha potuto aggiornare con il contributo di Sogei e delle altre Agenzie pubbliche, Entrate e Demanio. Sulla scia di quanto sta facendo il Governo Draghi, in particolare, in materia di investimenti, sostenibilità e turismo, è necessario dare segnali sempre più concreti di una politica industriale per il Mattone di Stato e Privato al fine di creare nuovi stimoli e sinergie, sulla base di analisi certe dei valori immobiliari e della capacità di sfruttare le occasioni offerte dal Pnrr, valorizzando progetti concreti, professionalità e competenze.
Il mondo immobiliare nelle sue varie espressioni e comparti impatta, secondo recenti analisi, il 21% del pil. Occorre che questa vitalità non venga dispersa e, durante i prossimi mesi, si continui nelle attività di analisi e di approfondimento delle misure del settore e vengano emessi e/o pianificati i provvedimenti immobiliari e infrastrutturali che consentiranno una ripresa proattiva dell’economia partendo dalla manovra legislativa che dovrebbe approdare in Parlamento in questi giorni. La Filiera Immobiliare è al servizio del Paese.
-Paolo Crisafi, Presidenre Remind